Home » Teatro musicale

Teatro musicale

Un mare di libertà, 9 settembre 2017

Un mare di libertà, 9 settembre 2017 - Alfredo Franchini

Un mare di libertà è lo spettacolo di Teatro canzone articolato su diversi piani. Da una parte il viaggio alla ricerca dell’Utopia e della libertà, dall’altra una guida alle differenze culturali e sociali dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, da Gibilterra al Bosforo. Il testo di Alfredo Franchini è inframmezzato dai versi dei grandi poeti e della grande canzone d’autore per riportarci le sensazioni, i profumi e i colori di chi viaggia nel mare e nell’anima. Di chi ha imparato a far derivare dai sogni che non si avverano mai le solide ragioni per continuare a navigare. Lo spettacolo si basa dunque su un testo originale e su poesie o segmenti di opere e di canzoni di autori apparentemente lontani ma legati da un comune sentire.

Chi ha detto che non esistono isole sconosciute? Noi conosciamo solo quelle… segnate sulle carte nautiche ma è quindi possibile che ne esistano altre non tracciate e magari persino felici. Sì, perché alle isole vengono attribuite sempre caratteristiche tipiche degli uomini: solitarie, silenziose, assetate, nude, deserte, sconosciute, incantate ma anche fortunate o no. Luoghi di raccoglimento, di quiete, di espiazione, di esilio, di punizione. E allora se la ragione del viaggio è il viaggiare, prepariamo la nave perfetta che ci faccia raggiungere la nostra isola.

Un mare di libertà è uno spettacolo in progress. Dopo l’esordio a Cagliari nel 2016, lo spettacolo è stato rappresentato in una nuova versione al Teatro del Carmine di Tempio il 9 settembre 2017 con l’attrice Marta Proietti Orzella in scena assieme a tre musicisti storici di Fabrizio De André:Ellade Bandini alla batteria, Giorgio Cordini alla chitarra, bouzouki e voce, Mario Arcari al clarino, oboe, ocarina, flauto e fiati etnici. La serata ha avuto come ospite d’onore Dori Ghezzi. Nella foto in alto Mario Arcari, Marta Proietti, Giorgio Cordini ed Ellade Bandini

Recensione Recensione [421 Kb]

L'esordio al Teatro delle Saline, maggio 2016

L'esordio al Teatro delle Saline, maggio 2016 - Alfredo Franchini

Un mare di libertà è stato rappresentato per la prima volta a Cagliari, al Teatro delle Saline, il 24 e 25 maggio del 2016. In scena l'attrice Marta Proietti Orzella con i musicisti Mario Brai e Matteo Carrus. Palcoscenico in penombra, si sente il motore di una barca appena acceso e lo spettacolo prende avvio con l'immagine di un pescatore che lascia il porto. Mario Brai fa il suo ingresso in scena intonando a cappella una canzone di Pino Daniele, Chi tene 'o mare. Poi sul palcoscenico ricoperto da autentiche reti da pesca e altri oggetti di chi va per mare compaiono il pianista compositore Matteo Carrus e l'attrice Marta Proietti. Lo spettacolo è un gioco d'equilibrio tra il testo, le poesie e le canzoni. Qui di seguito l'incipit. 

 "A questo punto sono pronto a lanciare la sfida della mia vita per conquistare l’oggetto del desiderio: la nave perfetta, il cargo ideale che mi porti all’Isola sconosciuta. So già quello che mi direte: non ci sono navi perfette e soprattutto non ci sono isole sconosciute. Ma io so che non è vero: sulle carte sono state trascritte solo le isole che si conoscono, ma datemi una possibilità, una barca, e vi dimostrerò che vi state sbagliando. Non è che senza una barca tutta mia, sinora, io non abbia navigato, ma l’ho fatto secondo la saggezza antica: il nostro mare arriva – diceva mio nonno – fin dove cresce l’ulivo. Ci sono posti dove la terraferma fatica ad adattarsi al mare. Il Mediterraneo è un mosaico, Gerusalemme, Atene, Roma, Alessandria, Venezia, la dialettica greca, l’arte, il diritto romano, popoli e razze che si sono mescolati, fusi e contrapposti per secoli. E la gente spesso si è chiesta come creare una Patria dove la terra è scarsa, se la sabbia invade i campi tra sole e mare. Bordesando per il Mediterraneo s’incontrano profumi e colori, ragazze precocemente maturate, vedove avvolte di nero, arance, un nodo di venti tra le foglie d’ulivo, il mirto, le palme, lo sfarzo e la miseria, la realtà e l’illusione"...